martedì 3 agosto 2010

Pose lunghe


In questo articolo parleremo di una soluzione creativa che prevede l'uso di tempi di esposizione lunghi. Per fare questi tipi di riprese si deve impostare la macchina in modalità priorità dei tempi con un basso valore di ISO in modo che impostando tempi lunghi la fotocamera dovrà configurare un diaframma molto chiuso.

Ora basta sfruttare un ottica zoom per trasformare ad esempio un paesaggio notturno di una città poco interessante in uno scatto di sicuro effetto.

Con la fotocamera tenuta a mano libera, oppure fissata su un cavalletto, durante la ripresa si deve ruotare la ghiera dello zoom dell'obbiettivo.
Più è veloce il tempo di otturazione più si deve ruotare velocemente la ghiera dell'obbiettivo, mentre quando la macchina è fissata su un cavalletto e si impostano tempi lunghi, la rotazione della ghiera dovrà essere particolarmente lenta.

In questo modo nell'immagine si otterranno ,dai punti luce presenti nell'inquadratura ,delle strisciate luminose convergenti al centro del fotogramma che oltre a dinamizzare l'immagine permette di esaltare il soggetto al centro della foto.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

6 commenti:

  1. eheheh buona questa!!! non l'avevo mai sentita come tecnica!!!! la proverò.. magari nel mio imminente viaggio a Londra... ^__^

    RispondiElimina
  2. Molto interessante Miki! Ci proverò anche io quando passerò dalla mia bridge a una reflex!...

    RispondiElimina
  3. per ottenere una foto del genere si lavora di sfocatura radiale in post-produzione con photoshop, come sicuramente è stato fatto per la foto dell'orso...
    Se volete ottenere risultati simili otticamente, innanzitutto avete ASSOLUTAMENTE bisogno del cavalletto quindi non è assolutamente vero che si puo' tenere la fotocamera in mano (almeno che non si voglia ottenere un pastrugno informe), vista la necessità di un lungo tempo di scatto! In questo tipo di tecnica lo scatto è composto principalmente da 2 fasi: nella prima fase si esegue lo zoom a mano nella maniera più fluida possibile per ottenere un effetto senza irregolarità o interruzioni, nella seconda parte invece si cerca di fissare il soggetto centrale o con un lampo ritardato di flash oppure fermando la zoomata e lasciando continuare lo scatto fino alla fine.
    p.s.: cmq non perdete tempo, i lavori del genere che si vedono in giro sono cmq tutti ottenuti in post-produzione...on camera è estremamente difficile se non al limite dell'impossibile avvicinarsi a un risultato del genere questo perchè anche se la camera è ancorata a un treppiede muovendo la ghiera dello zoom si vanno a produrre e inserire movimenti che produranno del mosso...quindi...

    RispondiElimina
  4. Sì è vero in post produzione si possono ottenere forse risultati migliori, però visto che non avevo nulla da fare mi sono messo a fare un paio di prove con il cavalletto e con tempi attorno ai 2-3 secondi.A furia di provare qualcosa di buono alla fine però è uscito, certo ho dovuto scartatare la maggior parte degli scatti.
    Sicuramente non una tecnica da "cogli l'attimo" ma un giochetto da provare in un triste pomeriggio noioso.

    RispondiElimina
  5. infatti è quello che ho detto... se pensate di ottenere una foto come quella dell'orso manualmente non ce la si fa anche perchè chi è quel pirla che avendo a tiro un orso si mette a fare i giochetti con lo zoom??

    RispondiElimina
  6. Ahahahahahaha!! Giusta osservazione

    RispondiElimina

Ti potrebbero anche interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...